#dontstopdesign Design

Between The Lines, le fotografie di Luigi Ghirri a Casa Mutina Milano

Giugno 3, 2021

scritto da:

Between The Lines, le fotografie di Luigi Ghirri a Casa Mutina Milano

 

Costruire uno spazio di visione universale nello spazio dell’esperienza: lavorando ossessivamente sull’inquadratura, le immagini di Luigi Ghirri da sempre racchiudono la realtà e la rivelano al tempo stesso, per apparire come una struttura di pensiero, uno strumento per orientarsi e, infine, un metodo per aprire le immagini all’infinito che le circonda.

© Delfino Sisto Legnani

La forza di queste fotografie è oggi al centro del progetto espositivo Luigi Ghirri – Between The Lines, promosso da Mutina for Art e concepito per gli spazi di Casa Mutina Milano: la mostra, curata da Sarah Cosulich con opere della collezione del CEO di Mutina Massimo Orsini, è stata sviluppata in dialogo con l’architettura dello showroom e il suo nuovo display ceramico.

© Delfino Sisto Legnani

Le fotografie di Luigi Ghirri offrono qui sguardi evocativi e rivoluzionari sulla realtà, intrecciano il personale vocabolario visivo dell’artista con la sua abilità di rappresentare l’”esterno”, dando forma a un racconto simbolico ed esistenziale del panorama umano.

© Delfino Sisto Legnani

La selezione di opere in mostra include i lavori più concettuali di Ghirri realizzati degli anni Settanta, dalla serie Atlante e Still-Life, a quelle delle pubblicità stradali o delle rappresentazioni quotidiane dello spazio naturale in contrasto allo spazio costruito dall’uomo; la mostra presenta anche l’indagine sul paesaggio che l’artista ha portato avanti negli anni Ottanta, dai percorsi fotografici di Paesaggio Italiano (Italian Landscape) ai suoi tanti diari di viaggio.

© Delfino Sisto Legnani

Luigi Ghirri – Between the Lines, in mostra dal 26 maggio al 23 settembre 2021, è presentata a Casa Mutina Milano su un particolare display ceramico che si relaziona con le immagini: il setting è stato infatti realizzato con DIN, la nuova collezione progettata da Konstantin Grcic, che offre uno sfondo sorprendente alle fotografie di Luigi Ghirri grazie alla sua struttura e ai cromatismi, creando inaspettate letture del lavoro dell’artista.