Design

Design! Oggetti, processi, esperienze: in mostra il patrimonio dello CSAC di Parma

Febbraio 8, 2021
Avatar

scritto da:

Design! Oggetti, processi, esperienze: in mostra il patrimonio dello CSAC di Parma

 

Un viaggio tra storia, creatività e design, in una location d’eccezione, alla ricerca di nuove ispirazioni: ha aperto al pubblico pochi giorni fa la mostra Design! Oggetti, processi, esperienze a cura di Francesca Zanella, prodotta da CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma con il sostegno del Comune di Parma e della Regione Emila-Romagna nell’ambito di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21, e in collaborazione con GIA – Gruppo Imprese Artigiane Parma.

Veduta della mostra Design! Oggetti, processi, esperienze nella Chiesa dell’Abbazia di Valserena, sede dell’Archivio-Museo CSAC dell’Università di Parma. Ph. Paolo Barbaro

L’evento espositivo, che avrebbe dovuto inaugurare lo scorso novembre, aprirà contemporaneamente in due sedi, l’Abbazia di Valserena e Palazzo Pigorini a Parma, dal mercoledì al venerdì, con esclusione dei giorni festivi, nel rispetto delle misure anti-Covid.

Gli archivi dello CSAC dell’Università di Parma custodiscono un immenso patrimonio di conoscenze sviluppate dalle generazioni di designer che hanno definito la cultura del progetto italiano nel Novecento e, attraverso una selezione di progetti emblematici, toccano i temi centrali del design.

Bruno Munari, Cappuccetto giallo, 1971. Illustrazione e impaginazione per Cappuccetto giallo (ed. Einaudi, Torino, 1972. Collana “Tantibambini”, n. 12). Grafite, acquarello e collage su xerografia applicata su cartoncino, 350×420 mm.

La mostra, articolata in due sezioni, traccia un percorso in cui il designer ­– nelle sue tante vesti di bricoleur, artigiano, antropologo, filosofo, scienziato, tecnologo – riflette sui temi del progetto e della produzione, delle politiche di intervento sul territorio e sul patrimonio culturale, e sui differenti linguaggi e pratiche all’interno di una società multiculturale.

In particolare, la prima sezione, allestita all’interno dell’Abbazia di Valserena, sede dell’Archivio-Museo CSAC, riunisce disegni, prototipi e oggetti di designer italiani quali Archizoom Associati, Mario Bellini, Cini Boeri, Achille e Piergiacomo Castiglioni, Enzo Mari, Alessandro Mendini, Roberto Menghi, Bruno Munari, Alberto Rosselli, Roberto Sambonet, Ettore Sottsass jr..

Veduta della mostra Design! Oggetti, processi, esperienze nella Chiesa dell’Abbazia di Valserena, sede dell’Archivio-Museo CSAC dell’Università di Parma. Ph. Paolo Barbaro

L’esposizione si articola attraverso tre parole chiave: oggetto, dimensione funzionale del progetto e allo stesso tempo strumento di rappresentazione delle culture; processo, inteso come momento autoriflessivo di definizione del progetto negli ambiti dell’innovazione, dell’impegno sociale e della prefigurazione del futuro, ma anche come interpretazione da parte del designer dei procedimenti dell’industria o della produzione; esperienza, ovvero il design come disciplina orientata allo studio delle interazioni tra persone, oggetti e ambienti.

La mostra include anche il video prodotto dallo Studio di Monte Olimpino sui fratelli Castiglioni (soggetto di Bruno Munari, regia di Marcello Piccardo, fotografia di Michele Piccardo), i video prodotti negli anni Ottanta da Metamorphosy e Magazzini Criminali con la collaborazione di Alessandro Mendini che affiancano un’idea rinnovata di oggetti e corpi e il film Archivio vivo. Storie di progetti, corpi e processi di Muse Factory of Projects, curato da Francesca Molteni con il montaggio di Silvia Biagioni, che propone un’ulteriore lettura sulla lezione dei designer italiani e sul potere dell’archivio.

A. e P.G. Castiglioni, Radiofonografo RR 126, 1966. Plastica e metallo, 65x120x39 cm. Produzione Brionvega.

La seconda sezione a Palazzo Pigorini, intitolata Corpi e processi. Sissi, Cinzia Ruggeri, Krizia, Brunetta e Atelier Farani, co-curata da Valentina Rossi, presenta invece, attraverso le stesse tre parole chiave, gli esiti della prima fase del progetto Storie di fili, condotto dallo CSAC in partenariato con il Sistema Museale dell’Università di Parma, Cooperativa Eidè, Fondazione Museo Glauco Lombardi e con il contributo della Fondazione Cariparma.

Tre nuovi abiti scultura dell’artista Sissi, ideati attraverso un processo di confronto con il patrimonio dello CSAC (in particolare con i figurini di Cinzia Ruggeri, Krizia e Brunetta, presenti in mostra) e realizzati con le aziende del territorio Equipage Srl, Maglificio Nuova Ester e Parmamoda Srl, dialogheranno così con i costumi della Sartoria Farani, anch’essi conservati allo CSAC, dando origine a una riflessione sul corpo, sull’abito e sul suo processo creativo e sartoriale.

Un appuntamento da non perdere per esplorare le mille sfaccettature della progettualità, ricca fonte di suggestioni da cui trarre bellezza e speranza in questi tempi complicati.