#dontstopdesign Design

La ripartenza di Damast, Giuseppe Reale racconta la “doccetteria” di domani

Giugno 9, 2020
Avatar

scritto da:

La ripartenza di Damast, Giuseppe Reale racconta la “doccetteria” di domani

 

Dal 2000, anno della sua fondazione a Invorio, nella provincia di Novara, la creazione di sofisticati sistemi funzionali per la doccia è la stella polare di Damast, azienda dinamica e intelligente che ben rappresenta lo spirito Made in Italy, coniugando alta qualità, stile, freschezza e originalità. Ed è appunto dall’imprenditorialità italiana che occorre ripartire nell’era post-lockdown, puntando sull’eccellenza dei nostri marchi design e sulla loro capacità di unire bellezza e tecnologia. Ne abbiamo parlato con Giuseppe Reale, Marketing & Sales Manager di Damast, che ci ha raccontato il presente e il futuro dell’azienda capace di cambiare la cultura della doccia.

La capacità di rispondere ai cambiamenti puntando sull’innovazione appartiene al DNA del marchio Damast fin dalle sue origini. Come ha affrontato e sta affrontando l’azienda questa complessa fase di emergenza e di ripresa post-lockdown?

Questo periodo di transizione è servito per focalizzare le necessità del cliente alla riapertura, si sono create nuove strategia commerciali e di comunicazione in relazione al periodo che stiamo vivendo, abbiamo dato molta importanza alla struttura e all’organizzazione aziendale per valorizzare ancora di più la percezione del prodotto ed il customer service and care.

In questi mesi abbiamo visto la tecnologia diventare sempre più presente e decisiva nelle nostre vite e su questo fronte i prodotti Damast rappresentano un’avanguardia, basti pensare per esempio al pannello doccia Chronos con miscelatore digitale. Ci racconta qualcosa di più di questo prodotto?

Si tratta di un pannello doccia innovativo, al servizio dell’efficienza e dell’ecosostenibilità. Peculiarità di questo prodotto è il miscelatore, che ha tolto le vesti tradizionali di meccanico e termostatico per diventare digitale in grado di governare sia i getti frontali che il soffione e la doccia a mano.

Chronos

Il concept si è sviluppato attorno all’idea di offrire una soluzione “futuristica” nell’esperienza della doccia, dotando il pannello doccia di un miscelatore digitale e di un display LDC per scegliere getto, flusso e temperatura, con un timer per un consumo idrico consapevole.

Chronos

Il pannello doccia è realizzato in alluminio in finitura bianco e nero (Frontale: lunghezza 1502 mm x larghezza 246 mm – Laterale: profondità 75 mm – Dimensioni soffione: Lunghezza 523 mm x larghezza 246 mm x spessore 22 mm), con miscelatore digitale touch screen per regolazione di temperatura, flusso, getti e temporizzazione, soffione e getti frontali, doccia a mano Lilo e flessibile antitorsione Whitelux (1500 mm).

Oltre al design sofisticato e alla qualità perfomativa della sua offerta, Damast è nota per aver sviluppato il concetto di “doccetteria” e per aver promosso nel tempo una vera e propria “cultura della doccia”. A questo proposito, quali sono dunque i valori principali che contraddistinguono l’identità dell’azienda e che volete comunicare al cliente?

Sicuramente uno dei valori per noi importanti è trasmettere il nostro know-how aziendale, siamo specialisti in quello che facciamo, la doccetteria. Conoscere il prodotto significa poter offrire il prodotto giusto al prezzo giusto. Damast si fa poi anche promotrice dell’uso consapevole dell’acqua sotto la doccia, promuovendo tecnologie come il water saving o l’air system. Siamo sempre alla ricerca di idee e contaminazioni da altri settori per sviluppare sempre di più il mondo della doccetteria.

Quali progetti avete per il futuro? Su quali proposte punterete?

Uno dei nostri obiettivi è quello di intensificare ed essere ancora più capillari nel servire il nostro prodotto e migliorare il servizio al cliente, non dobbiamo vedere questo periodo solo come di crisi, è anche un periodo di grandi opportunità, la ripresa sarà lenta ma ci deve trovare pronti sia in Italia che a livello internazionale.

Continueremo con il branding, spingendo il nostro neologismo “doccetteria”, ormai diventato il nostro settore di appartenenza; proseguiranno le campagne ADV e le partecipazioni alle fiere di settore e svilupperemo anche alcune “chicche” nel mondo del digitale.