Design

Linea Light Group illumina la Cappella dei Magi di Palazzo Medici-Riccardi a Firenze

Febbraio 4, 2020

scritto da:

Linea Light Group illumina la Cappella dei Magi di Palazzo Medici-Riccardi a Firenze

 

Nello storico Palazzo Medici-Riccardi a Firenze, antica dimora nobiliare oggi divenuta sede della provincia e della prefettura locale, si trovano la straordinaria Cappella dei Magi e i suoi preziosi affreschi, che sono stati di recente protagonisti di un delicato intervento illuminotecnico finalizzato al miglioramento della visione, della fruizione e dell’accessibilità del luogo valorizzandone la bellezza e dettagli mai notati.

Il delicato incarico è stato affidato, in collaborazione con l’Università di Firenze, a Linea Light Group, il Gruppo di Treviso pioniere della tecnologia LED che vanta un’approfondita esperienza in questo settore, grazie ad alcuni progetti realizzati in importanti chiese e musei nazionali e internazionali tra cui il Musée des Arts Décoratifs di Parigi.

Il lavoro a comportato che l’azienda mettesse innanzitutto a disposizione le proprie competenze anche in fase di verifica preliminare per associare alle diverse letture cromatiche, all’eventuale presenza di distorsioni e metamerismi, così come alle alterazioni ottiche, una puntuale illuminazione.

In quest’ottica si può parlare quindi di un progetto illuminotecnico a 360° che ha esteso il campo d’azione dell’azienda di Treviso anche alla chimica, alla biologia e all’archeometria per la definizione di una corretta illuminazione e conservazione dello spazio e dei dipinti.

Linea Light Group ha poi messo a punto un vero e proprio sistema di multi-proiettori gestiti singolarmente per adattarsi alla particolare conformazione della sala: il proiettore LED Optus, solitamente utilizzato come elemento statico, è stato reso dinamico grazie a un processo di customizzazione e all’interno della sala “vive” in quadruplice essenza come multi projector, all’interno di sette frame diversi, posizionati su tutta la superficie.

Il sistema permette inoltre l’accensione e lo spegnimento dei diodi grazie a una comunicazione bluetooth direttamente con tutti gli Optus sul perimetro, per enfatizzare e descrivere al meglio ogni particolare di questo inestimabile e prezioso scrigno; inoltre, il prodotto diventa così anche uno strumento educativo al servizio delle guide museali grazie alla dimmerazione, permettendo un notevole miglioramento della fruibilità delle opere.

Per illuminare l’essenza autentica di un capolavoro.

Fotografie di Studio Fotografico Lungimirante.