#dontstopdesign Design

Feel what light can do: Samuele Mian racconta il rebranding Sunshower

Luglio 8, 2020
Avatar

scritto da:

Feel what light can do: Samuele Mian racconta il rebranding Sunshower

 

Creato per dare una risposta concreta all’esigenza quotidiana di energia, salute e cura del proprio corpo, il brand Sunshower ha saputo trasformare l’ordinario momento della doccia in una straordinaria esperienza di benessere olistico, puntando sul potere della luce e del colore combinato con la forza rigenerante dell’acqua. Per raccontare in modo ancora più efficace e impattante l’innovazione profonda dei prodotti Sunshower, nel 2020 l’azienda ha lanciato un’importante campagna di rebranding, fondata sulla presentazione di nuovo logo, nuovo spot, nuovo posizionamento, nuova immagine e nuova identità. Ne abbiamo parlato con il Direttore Sunshower Italia Samuele Mian. Ecco quello che ci ha raccontato.

Nata nel 2003 dall’intuizione degli ingegneri Merijn Wegdam e Oscar Meijer, negli ultimi anni l’azienda olandese Sunshower si è evoluta velocemente, tanto da rendere necessaria nel 2020 un’ampia operazione di rebranding. Ci racconta le ragioni e i tratti di questo cambiamento, ben interpretato dal nuovo claim “Feel what light can do”?

Partendo dal presupposto che il primo elemento di cambiamento è senza dubbio quello legato all’estetica, che è diventata più attuale, fluida, semplice e soprattutto riconoscibile, il concept dell’immagine è stato pensato innanzitutto per trasmettere al pubblico l’effetto reale e concreto del prodotto Sunshower sulla persona. Tutto ciò viene espresso attraverso gli stessi soggetti della campagna, siano essi maschili o femminili, i colori, in particolare il rosso dell’infrarosso e il blu dell’ultravioletto, il focus sulla pelle e sul corpo. L’obiettivo è raccontare in modo diretto ed efficace l’autentico beneficio olistico procurato al fisico dall’incontro con il raggio di sole Sunshower.

La particolarità di Sunshower è sempre stata quella di saper coniugare soluzioni doccia semplici e funzionali con l’ambizione di prendersi cura dell’organismo a 360 gradi: quali sono i principali benefici che derivano dalla scelta dei prodotti Sunshower? Come vengono espressi dalla nuova campagna?

Da sempre Sunshower pone al centro dell’attenzione la cura della persona. Negli ultimi mesi, proprio a partire dalla presa di coscienza dell’emergenza che abbiamo vissuto, abbiamo lanciato un messaggio importante: tra i benefici garantiti da Sunshower c’è infatti quello di stimolare la produzione di vitamina D nell’organismo e la vitamina D, come sappiamo, è fondamentale nel processo di rafforzamento delle nostre difese immunitarie. Per questo, abbiamo avviato una campagna commerciale finalizzata a fornire agevolazioni economiche rivolte ai privati che acquistano i nostri prodotti, con l’obiettivo finale di promuovere non solo la cultura del prodotto ma soprattutto la cultura del benessere e della salute a 360 gradi.

Luce e colore sono elementi cardine dell’identità di Sunshower pur essendo impalpabili e, come lei ha spiegato, la sfida è stata tradurli in immagini concrete capaci di suggerire al pubblico tutto il potere della cromoterapia e non solo. Oggi i clienti sono più sensibili ad un messaggio che vada oltre il prodotto e punti a comunicare il benessere nella sua totalità?

Ne siamo assolutamente convinti. Oggi, date le conseguenze della pandemia che ha investito tutto il mondo, tutti noi abbiamo acquisito una maggiore dimestichezza con gli strumenti della comunicazione digitale, e per noi è stato fondamentale riuscire a trasmettere con una sola immagine due o più concetti. Nel nostro caso l’impatto visivo della campagna mira a comunicare le sensazioni benefiche concrete vissute al momento della doccia, durante il quale nella maggior parte dei casi per l’utente non è tanto importante la percezione visiva del prodotto Sunshower quanto la percezione fisica e sensoriale del suo effetto sulla pelle. Chi guarda queste immagini, sulla carta o sul video, ne viene coinvolto ed entra davvero all’interno del mondo Sunshower.

In definitiva, che cosa vi aspettate per il futuro di Sunshower? Quali sono gli obiettivi da raggiungere a medio e lungo termine?

In Europa Sunshower sta già ottenendo dei risultati eccezionali, non solo nei Paesi Bassi d’origine ma anche in Germania e in tutta l’area a nord delle Alpi. D’altro canto, a sud è proprio l’Italia la nazione in cui sta riscuotendo il maggior successo ma, per ragioni storiche e culturali, da sempre la clientela italiana si caratterizza per la forte attenzione al design, oltre che alla funzione. Stiamo quindi preparando il lancio della nuova linea che, date le condizioni contingenti, abbiamo scelto di rinviare al 2021, per offrire al cliente privato e all’architetto un prodotto non solo funzionale e valido ma ancora più performante dal punto di vista estetico, dei dettagli e delle finiture.