#dontstopdesign Design

Damast presenta Marco Polo, il soffione che esplora la nuova frontiera della doccia

Settembre 15, 2020
Avatar

scritto da:

Damast presenta Marco Polo, il soffione che esplora la nuova frontiera della doccia

 

Porta il nome di uno dei più grandi esploratori della storia dell’umanità il nuovo soffione Marco Polo targato Damast, una proposta così innovativa da rendere sufficienti cinque millimetri di spessore per rivoluzionare il modo di vivere la cascata d’acqua nel momento della doccia.

Marco Polo è un soffione combinato a parete realizzato su un unico supporto su due livelli a sbalzo, con funzioni differenti: un primo soffione rettangolare si protende dal muro per circa mezzo metro (490 mm x 180 mm x 5 mm) e presenta 90 fori con ugelli flessibili – in silicone per la facile rimozione del calcare – in grado di fornire un getto intenso, a pioggia; immediatamente al di sotto (ed incorporato allo stesso supporto a muro) si sviluppa un altro soffione, con bocca di dimensione più piccola e forma pressoché quadrata (230 mm x 210 mm x 5 mm) dotata di un taglio orizzontale di ben 200 mm, che permette di erogare una cascata d’acqua massaggiante d’eccellenza grazie all’ampiezza del getto che scaturisce dal taglio (200 mm di larghezza per 3 mm di altezza), e si distingue per essere la più ampia bocca a parete tra quelle proposte dall’azienda.

In questo modo i soffioni sprigionano tutto il loro effetto benefico singolarmente in maniera alternata.

Marco Polo è realizzato in ottone ed è disponibile nella sola versione cromata; gli ugelli rispettano i criteri di eco sostenibilità: anticalcare, idonei per l’utilizzo ad alte temperature; la pressione necessaria per alimentare e garantire il pieno funzionamento del soffione è di 2 bar.

 

Minima è anche la quantità d’acqua richiesta per un getto pieno ed intenso: 12 litri/minuto sono sufficienti per alimentarlo perfettamente.

Marco Polo prevede infine un’installazione specializzata grazie ad un’unica piastra a muro che funge da supporto per entrambe le bocche.

Pronti a esplorare l’ultima frontiera della doccia?